Vivi Reggio in 3D

Abbiamo effettuato alcune acquisizioni di immagini sia con smartphone sia con camera fotografica reflex con obiettivi calibrati al fine di generare modelli tridimensionali di alcuni monumenti di Reggio Emilia da fotografie digitali e per valutare la qualità e l’affidabilità dei prodotti ottenuti con smartphone.

I punti di forzi di questa tecnologia sono sicuramente l’economicità dell’attrezzatura, la semplicità di utilizzo e acquisizione e l’elevato grado di fedeltà cromatica del modello ricostruito; i punti di debolezza sono costituiti principalmente dall’assenza dell’informazione metrica sul modello generato e dalla necessità di elaborare le immagini in un secondo momento, anche se alcune applicazioni per smartphone e tablet permettono di ottenere il modello quasi in tempo reale.

Vi presentiamo i risultati da noi ottenuti con la fotocamera di un “economico” Samsung Galaxy S4 mini.

La continua evoluzione delle tecniche di rilievo e modellazione 3D basate su sensori e lo sviluppo di sistemi sempre più performanti per la visualizzazione di dati digitali evidenziano il valore aggiunto dato dall’uso di queste metodologie in un’ampia varietà di ambiti. La grande diffusione dei dispositivi mobile degli ultimi anni ha portato a un forte incremento nella realizzazione di applicazioni per la visualizzazione interattiva di oggetti 3D su smartphone e tablet. Le rappresentazioni di oggetti 3D si possono ruotare e ispezionare in modo interattivo come se fossero nel palmo della mano. È possibile navigare la mappa di una città o muoversi in edifici o ambienti tramite visite virtuali, decisamente più interessanti di semplici riproduzioni di immagini o video.

Dal punto di vista tecnico del rilevamento tridimensionale, negli ultimi anni si è assistito invece all’affermazione di algoritmi di Computer Vision, denominati Structure-from-Motion, in grado di ricreare la terza dimensione da immagini bidimensionali senza l’utilizzo delle classiche tecniche fotogrammetriche. Google ha recentemente rilasciato un app (Google Camera) per dispositivi Android che implementa questi algoritmi per fornire un modello 3D dello scenario analizzandone la profondità da ogni punto di vista della scena ed intervenendo così su di esso.

Tags: Case history, mobile, modelli tridimensionali, Reggio Emilia, smartphone, oggetti 3D